domenica 15 aprile 2007

Il lusso.

20/02/1940
Tema
Il lusso.
La cosa che al mondo è da tutti ricercata è il lusso, mentre esso non è altro che alimento dell’industria, causa della miseria di molte popolazioni, esso non è vero che rende un individuo più bello, anzi ne trasforma l’aspetto, sembrando una profumeria. Una giovane donna è spesso una modella con pelliccia e paltò; abito a tre quarti e spolverino, cremato il viso, pitturate le labbra e le unghie, incipriato l’intero corpo, lasciando ovunque passare di quei odori che fanno arricciare il naso alla modesta e pulita giovinetta. Poi trattando l’uomo, vestiva con il cilindro e farfallino sembrando un cocchiere funebre, girando per la città come un Don Giovanni mentre alle volte in tasca non conta che poche monete d’argento, tutto ciò è segno di poca dominazione di un individuo; un giovane una volta vestito con decenza e accortezza e sempre più simpatico e attraente di un nostro simile.Questa volta ha la fortuna di osservare che poche sono le donne che fanno simili cose e quasi nessun uomo è illuso dello sforzo, ma sempre si mantiene nella linea di data persona. Di queste cose se ne vedono molte in Francia, ricca ne è l’Inghilterra, ora però se ne avvede l’intero stato cosa vuol dire mollezza. Beati gli stati ove questo è ritenuto come orrendo vizio.
Monti Vincenzo.

Nessun commento: